Oro 

  

Le mani, il centro del nostro universo

Tutto nasce, tutto si trasforma. Il percorso del marchio di fabbrica Torrini  si snoda partendo dall’antica cultura della “bottega” medioevale, poi  rinascimentale, di proprietà di Jacopus a Scarperia, vicino a Firenze, per arrivare fino ai giorni di oggi. Il filo conduttore è rappresentato da due elementi, chiari e intangibili, il marchio di fabbrica e le mani.
Mentre il marchio di fabbrica è rimasto quello che Jacopus registrò a Firenze nel 1369,  le mani, per effetto trascendentale, si sono cronologicamente alternate e modificate per  più di 6 secoli lasciando testimonianze di assoluta eccellenza. Le mani di oggi non sono quindi che le ultime di una storia infinita. Senza compromessi.
Siamo sempre stati artigiani orafi vecchia maniera. Nel nostro opificio abbiamo costruito utilizzando tutti i metalli, anche non preziosi, molti materiali l'uno diverso dall'altro: oro, argento, bronzo, pelle, legno, vetro, stoffa. Proprio così come si faceva nelle botteghe rinascimentali fiorentine.
Prima studiamo cosa dobbiamo fare, si procede a disegnare un bozzetto, si definisce il tutto con un disegno tecnico, si inizia la lavorazione del prototipo poi quella seriale.
Sempre cercando di essere migliori di ieri e sapendo di essere, forse, peggiori di domani.

     

GALLERIA

Il design
Il fuoco
Il Crogiuolo
Le mani
Le mani
Le mani
La Finitura
La Finitura
La vecchia Bilancia
La vecchia Targa

(le foto esposte in questo sito sono protette da "Copyright" e quindi ogni uso non autorizzato è da noi considerato illegale)